fbpx

ETEROLOGA. FIGLI DI UN PADRE ANONIMO?

FECONDAZIONE ETEROLOGA. L’AMORE VINCE SU TUTTO.

Il primo dubbio delle coppie che hanno fatto ricorso all’eterologa è se dire al figlio come è nato. Molte mantengono il segreto per evitare che i figli mettano in crisi la propria identità o il rapporto con gli stessi genitori.

È evidente che ciò che muove una coppia, nel desiderio di genitorialità, verso la metodica che fruisce di gameti di un donatore esterno, è sempre l’amore.

Nascondere il ricorso alla tecnica di fecondazione eterologa ai figli, frutto di quell’amore, può essere solo controproducente.  D’altronde, essere capaci di chiedere aiuto, e di affrontare un percorso così difficile, implica coraggio, flessibilità, capacità di adattarsi. Perché non comunicarlo ai propri figli?

Riuscire a raccontare ai figli l’amore necessario a compiere questi passi potrebbe, non solo a far accettare e comprendere i motivi della scelta, ma a far sentire loro stessi frutto di qualcosa di unico.

Ma andiamo per gradi.

Eterologa. Ciò che muove una coppia, nel desiderio di genitorialità, è sempre l’amore.
Ciò che muove una coppia, nel desiderio di genitorialità, è sempre l’amore.

INFORMAZIONI SULLA FECONDAZIONE ETEROLOGA.

Per ognuno dei 100 bambini nati in Italia, oggi, uno è stato concepito tramite fecondazione eterologa, cioè grazie a un donatore esterno alla coppia. E sarebbe proprio il caso di sottolinearlo questo grazie.

Dopo il 2014, con l’abolizione del divieto di fecondazione eterologa sancito dalla Legge 40, solo in Italia i nati da fecondazione eterologa sono sempre di più. Nel 2016 sono ricorse all’eterologa 77.552 coppie, quasi 100mila i cicli avviati, 13.582 le nascite e 1.457 i bambini nati (+142%).

Eppure, se tanto si discute delle implicazioni etiche e morali di questo tipo di metodica, troppo poco ci si preoccupa dei risvolti psicologici dei genitori che ricorrono a questa soluzione e di quelli dei figli nati da un diverso, seppur parziale, patrimonio genetico.

Eterologa. Su cento bambini nati in Italia, oggi, uno è stato concepito tramite eterologa.
Su cento bambini nati in Italia, oggi, uno è stato concepito tramite eterologa.

ETEROLOGA MASCHILE. NEI PANNI DEL PADRE.

<Dr.ssa Granato, io non so cosa significhi essere padre biologico, non l’ho mai provato e non potrò mai. Crede che non sappia che non sarà mai davvero mio figlio?>.

Questo è il pensiero più comune di chi si trova a dover affrontare, dopo una severa diagnosi di infertilità, la soluzione della fecondazione eterologa.

Stando ai dati:

  • Il 54% dei pazienti manifesta la difficoltà ad accettare la impossibilità di trasferire il proprio patrimonio genetico.
  • Il 28% dei pazienti manifesta fantasie sul donatore o sulla donatrice. Si vorrebbe disporre di un patrimonio informativo che potrebbe rendere possibile una proiezione futura dell’identità del nascituro (propensioni, attitudini, capacità e connotazioni caratteriali).
  • Il 18% dei pazienti teme di dover, un giorno, confidare al proprio figlio le sue origini.
    Di seguito, utili consigli, ma una cosa è certa, occorre, assolutamente, evitare che la donna forzi il compagno ad un’accettazione innaturale perché non avrebbe altro effetto che accentuare il senso di impotenza e di depressione, con la conseguenza dell’allontanamento del padre dalla donna e dallo stesso bambino, nato dalla specifica metodica.
Eterologa. I pazienti non accettano l’impossibilità di trasferire il proprio patrimonio genetico.
I pazienti non accettano l’impossibilità di trasferire il proprio patrimonio genetico.

ETEROLOGA. IL RUOLO DEL GENITORE.

Ma non è sempre così.

Per la mia esperienza, in alcuni casi sempre più in aumento, vi è l’accettazione di un ruolo paterno, incondizionato, che si rafforza, sempre più, durante la gravidanza.

Gli uomini che sanno vivere questo tipo di paternità sono proprio quelli che, oltre ad aver elaborato il proprio lutto procreativo, hanno poi saputo investire di significati e di affetti positivi il proprio ruolo di genitore.

In molti casi, infatti, si assiste ad un arricchimento per il genitore, dovuto ad una maturazione comune, insieme a una combinazione di sentimenti di gioia, scoperta, tenerezza, empatia, vicinanza fisica e mentale.

D’altronde, ciascun figlio ha bisogno della figura paterna, non solo come persona da amare, ma anche come modello di sviluppo psico-emotivo. Ci sono molti esempi a cui rifarsi per trarre forza e impulso a far bene. E allora. bando alle paure.

Certo, a questo punto, occorre soffermarsi su ciò che coinvolgerà i figli.

È importante investire di significati e positività il proprio ruolo di genitore.
È importante investire di significati e positività il proprio ruolo di genitore.

ETEROLOGA. NEI PANNI DEI FIGLI.

Anche questo step va affrontato con la massima consapevolezza.

Scientificamente viene definito “spaesamento genealogico”, quel senso di confusione sulla propria identità che potrebbe essere avvertito da alcuni ragazzi, figli di coppie che hanno portato a compimento metodiche di procreazione medicalmente assistita di tipo eterologo, soprattutto, nelle fasi adolescenziali.

E se un giorno il mio bambino, guardandosi allo specchio, inizi a nutrire dubbi sulle proprie origini? O se a causa dei continui conflitti arrivi a mettere in discussione il nostro rapporto?

E sono proprio queste le domande che ogni coppia dovrebbe porsi, nel dubbio se rivelare le loro origini.

Eterologa. Il venir meno di risposte sui propri dubbi può incidere sullo sviluppo psico-emotivo.
Il venir meno di risposte sui propri dubbi può incidere sullo sviluppo psico-emotivo.

Perché la possibilità di non vedere particolari somiglianze potrebbe indurre percezioni ambivalenti.

Di fronte al venir meno di una risposta esauriente ai propri dubbi, qualora i genitori abbiano deciso di non toccare l’argomento, potrebbe incidere negativamente sullo sviluppo psico-emotivo del bambino.

È sempre opportuno parlarne liberamente. E la necessità di un dialogo aperto, è ratificato dalla comunità scientifica. Perché la genetica è solo una pietra grezza, su cui ogni persona modella la propria personalità, in base alle esperienze, agli stimoli esterni e alla educazione impartita.

L’evoluzione emotiva e psicologica dei figli sarà una “summa” di ciò che si è appreso negli anni. E quindi larga parte dell’evoluzione personale dipenderà dai propri genitori. Tacere, quindi, oltre che ingiusto, potrebbe essere controproducente. Ognuno di noi ha bisogno di conoscere le proprie origini e di crescere nella verità.

FECONDAZIONE ETEROLOGA. “NIENT’ALTRO CHE UN GESTO D’AMORE”.

Alla luce di queste considerazioni, suggerisco sempre, ad ogni coppia che si rivolge a me, di non avere fretta di iniziare percorsi che prevedono la donazione di gameti.

Eventualmente, potrebbe essere importante prendere in considerazione anche l’istituto della adozione, come possibile alternativa alla propria sterilità. Solo una profonda comprensione e condivisione della scelta da parte della coppia, può portare ad una gravidanza felice e alla costruzione di una famiglia solida.

I figli devono sentirsi frutto di qualcosa di unico e speciale, l’Amore.
I figli devono sentirsi frutto di qualcosa di unico e speciale, l’Amore.

Insomma, alla base della scelta deve esserci sempre un forte desiderio di genitorialità. Il successo e le conquiste dei genitori, nonché la corretta narrazione, sono pilastri fondamentali alla costruzione dell’autostima del bambino. I figli devono sentirsi frutto di qualcosa di unico e speciale, l’Amore.

_________________________

Per una consulenza personalizzata, puoi contattarmi all’email: info@chiaragranato.it oppure ai riferimenti che trovi nella pagina contatti.

Articoli recenti

SALUTE RIPRODUTTIVA. COSA SAPPIAMO?
10 Settembre 2020
INFERTILITÀ SECONDARIA. COME AVVIENE?
22 Agosto 2020
VITAMINA D. VITAMINA DEL SOLE
19 Luglio 2020

Chi sono

Da circa 10 anni mi occupo di consulenza integrata, dell’applicazione di tecniche biologiche di fecondazione e preservazione della fertilità e di metodiche di prevenzione.

Ultime dalla gallery

  • Registrati
Hai perso la tua password? Per favore inserisci il tuo nome utente o l'indirizzo email. Riceverai un link per creare una nuova password via email.
I tuoi dati non saranno condivisi con nessuno.

Quattro giornate di colloqui individuali, distribuite in sei colloqui al giorno completamente gratuiti, al Centro diagnostico Cedibio di Avellino dedicate a:
- giovani coppie sensibili al tema della prevenzione;
- ad aspiranti genitori che si avvicinano a questo mondo per la prima volta;
- a coppie più adulte già alle prese con problematiche oggettive di infertilità.
Per ascoltare la vostra storia e rispondere alle vostre domande ma, soprattutto, per conoscere un po’ di più su noi stessi e sul tema della fertilità.
Compila i campi sotto riportati e ti richiamerò per fissare un appuntamento.