fbpx

ETEROLOGA. PERCHÉ RIFLETTERCI SU?

ETEROLOGA FEMMINILE. TRATTI DI UN PUZZLE INFINITO.

Michela lo desidera da tanto. Ha convinto anche il suo compagno. Passa il tempo a fantasticare su mille dettagli. Dal sesso, vuole una femminuccia, ha già deciso come la chiamerà, fino a quelli, come dice lei, rinunciabili, ma che sembrano occupare uno spazio sempre più rilevante.

Così si passa a fantasticare sul colore degli occhi, sull’eleganza delle mani, fino ai tratti caratteriali.

<La sogno ogni notte. A volte ne sento la voce. Immagino i tratti del volto uno per uno come in un puzzle infinito.> dice.

ETEROLOGA FEMMINILE. Michela passa il tempo a fantasticare su mille dettagli. Immagina i tratti del viso.
Michela passa il tempo a fantasticare su mille dettagli. Immagina i tratti del viso.

Ma cosa accadrebbe se quel figlio non ci somigliasse? Se per una sopraggiunta diagnosi di infertilità si profilasse la necessità di ricorrere alla fecondazione eterologa? Se, quindi, si dovessero utilizzare i gameti di un donatore o di una donatrice per raggiungere lo scopo di portare avanti una normale gestazione?

O, anche, nell’ipotesi che non avvenga mai generazione in senso fisico (mi riferisco all’Istituto dell’adozione)?

ETEROLOGA FEMMINILE. Una profonda analisi di questo sentimento sarebbe, sempre, consigliabile.
Una profonda analisi di questo sentimento sarebbe, sempre, consigliabile.

ETEROLOGA FEMMINILE. ANALISI DEL DESIDERIO.

Appare, dunque, fondamentale comprendere cosa si nasconde dietro quell’ideale desiderio di maternità e di paternità. Sicuramente una profonda analisi di questo sentimento sarebbe sempre consigliabile.

Nella procreazione medicalmente assistita le coppie, inevitabilmente, sono condotte a riflettere sui significati profondi della genitorialità e ad indagare su quali sono le reali motivazioni che alimentano il desiderio di avere dei figli.

In particolare, è proprio confrontandosi con i dubbi sulla fecondazione eterologa che emergono falsi bisogni e illusioni effimere.

I pazienti non accettano l’impossibilità di trasferire il proprio patrimonio genetico.
I pazienti non accettano l’impossibilità di trasferire il proprio patrimonio genetico.

IL REQUISITO DELLA SOMIGLIANZA NELLA FECONDAZIONE ETEROLOGA.

La mancanza del requisito della somiglianza, anche solo paventata, fa venir meno quel desiderio identitario che si fortifica nell’idea che sia possibile accettare il proprio figlio solo riconoscendosi nei suoi tratti fisici e caratteriali. Si tratta di un requisito illusorio alimentato, nella maggior parte dei casi, dalla necessità riempire un vuoto.

Perché, inconsciamente, si ritiene che la propria vita sia, anche solo parzialmente, insoddisfacente.

È, purtroppo, un errore molto comune quello di investire un altro essere umano, nostro figlio, della realizzazione di noi stessi.

ETEROLOGA FEMMINILE. Si tratta di equilibri precari alimentati dalla necessità riempire un vuoto.
Si tratta di equilibri precari alimentati dalla necessità riempire un vuoto.

ETEROLOGA. IL RUOLO DI GENITORE.

Essere genitori (Etimologicamente “Colui che genera” – genitore biologico – giuridicamente equiparato al genitore sociale “Colui che alleva”) non è un ruolo che si acquisisce con la semplice capacità di generare dei figli.

Il desiderio di genitorialità deve manifestarsi in una condizione di maturità psicologica in cui si acquisisce la capacità di amare un altro essere umano senza alcuna aspettativa. Si intende un amore esente da schemi, da regole, perché l’amore non ha nulla a che vedere con ciò che ti aspetti di ottenere (K. Hepburn).

Crescere un figlio significa aiutarlo a trovare la sua strada, sostenerlo nelle sue scelte e nelle sue inclinazioni, spingerlo a vivere in autonomia, nella certezza che noi ci saremo sempre.

La genitorialità è, quindi, un percorso di crescita individuale che consiste nell’essere in grado di accettare e di amare un bambino anche qualora si discosti molto dal nostro ideale di figlio. E non dovrebbe essere né l’epigenetica, né l’ereditarietà fenotipica a farci sentire più genitori di altri.

La capacità genitoriale non si acquisisce con la semplice generazione del figlio.
La capacità genitoriale non si acquisisce con la semplice generazione del figlio.

ETEROLOGA FEMMINILE. LA COSTRUZIONE DI UNA FAMIGLIA SOLIDA.

Per questo motivo suggerisco sempre, ad ogni coppia che si rivolge a me, di non avere fretta di iniziare la fecondazione eterologa solo per soddisfare un bisogno di tipo identitario.

Solo una profonda comprensione del ruolo genitoriale, la maturazione e la condivisione della scelta da parte di entrambi i componenti della coppia, può portare ad una gravidanza felice e alla costruzione di una famiglia solida.

Anche chi non ha problemi procreativi dovrebbe interrogarsi sui reali motivi.
Anche chi non ha problemi procreativi dovrebbe interrogarsi sui reali motivi.

E, soprattutto, non è solo di fronte all’ipotesi di dover attuare un percorso di fecondazione assistita di tipo eterologo che queste riflessioni dovrebbero essere fatte.

Anche chi non ha problemi procreativi dovrebbe interrogarsi sul motivo che li spinge a desiderare di generare bambini.

_________________________

Per una consulenza personalizzata, puoi contattarmi all’email: info@chiaragranato.it oppure ai riferimenti che trovi nella pagina contatti.

Articoli recenti

VITAMINA D. VITAMINA DEL SOLE
19 Luglio 2020
Eterologa Maschile
ETEROLOGA. FIGLI DI UN PADRE ANONIMO?
27 Maggio 2020
SUCCESSO AL PRIMO TENTATIVO
È SUCCESSO AL PRIMO TENTATIVO
29 Aprile 2020

Chi sono

Da circa 10 anni mi occupo di consulenza integrata, dell’applicazione di tecniche biologiche di fecondazione e preservazione della fertilità e di metodiche di prevenzione.

Ultime dalla gallery

  • Registrati
Hai perso la tua password? Per favore inserisci il tuo nome utente o l'indirizzo email. Riceverai un link per creare una nuova password via email.
I tuoi dati non saranno condivisi con nessuno.

Quattro giornate di colloqui individuali, distribuite in sei colloqui al giorno completamente gratuiti, al Centro diagnostico Cedibio di Avellino dedicate a:
- giovani coppie sensibili al tema della prevenzione;
- ad aspiranti genitori che si avvicinano a questo mondo per la prima volta;
- a coppie più adulte già alle prese con problematiche oggettive di infertilità.
Per ascoltare la vostra storia e rispondere alle vostre domande ma, soprattutto, per conoscere un po’ di più su noi stessi e sul tema della fertilità.
Compila i campi sotto riportati e ti richiamerò per fissare un appuntamento.