fbpx

Fecondazione assistita: quando l’ostacolo sono le paure del partner

PRIMA DI INIZIARE UN CICLO DI PMA, OCCORRE CONVINCERE IL PROPRIO PARTNER.

Il primo ostacolo da superare, per una donna che vuole iniziare un percorso di fecondazione assistita in Campania, è il proprio compagno. Durante le ore che trascorro con i miei pazienti, mi capita spesso di confrontarmi con loro su dubbi e paure che nascono dal dover affrontare “l’opinione comune” sull’infertilità e sulla fecondazione assistita.

Autorizzata dalle coppie di pazienti che seguo e ho seguito, e senza pubblicare nomi o iniziali, voglio raccontarvi i pensieri, le angosce e i limiti che mi sono stati riportati dai partner maschili delle coppie, durante i colloqui conoscitivi e la compilazione dei questionari informativi.

Molto spesso, in Campania, la regione in cui opero dal 2008, il proprio compagno e le sue paure sono il primo ostacolo che la donna deve affrontare prima di avviare qualsiasi tipo di procedura finalizzata alla PMA.

Il primo ostacolo da superare è il proprio compagno.
Il primo ostacolo da superare è il proprio compagno.

AVERE FIGLI, DIVENTARE GENITORI, SEMBRA UNA COSA COSÌ NORMALE, QUASI SCONTATA.

Quando il pensiero non può che sfiorarci soltanto, ne vediamo tante di coppie felici che portano a spasso bambini bellissimi. A vederli ci scappa un sorrisetto, pensando che un domani  anche noi vivremo quella condizione, come una tappa obbligata della nostra vita.

E <nel caso andasse tutto storto, oramai la scienza è in grado di portarci a raggiungere il nostro scopo in tanti modi. D’altronde c’è la fecondazione assistita>. <Ho letto su un forum che anche in caso di malattia è possibile congelare>. Quante volte se n’è parlato con il partner. <Tutto a suo tempo!>

Sembra tutto facile, quando il problema è solo potenziale. Un’altra cosa è, invece, viverlo.

FECONDAZIONE ASSISTITA. I PARTNER MASCHILI VIVONO LE MAGGIORI DIFFICOLTÀ.

Tra le coppie che ho avuto modo di seguire dal 2008, quasi il 60% dei partner maschili, coinvolti in tecniche di PMA, vivono le maggiori difficoltà. Infatti, anche nei casi in cui, in maniera disinibita, si confida il problema alla propria famiglia, presto <si finisce a preoccuparsi dell’essere giudicati da tutti>.

I partner maschili vivono le maggiori difficoltà.
I partner maschili vivono le maggiori difficoltà.

Nella maggior parte dei casi la donna è eccitata al pensiero di diventare mamma. Sarebbe disposta a tutto. Eroica, altruista, pensa sempre positivo. È ansiosa di avere risultati. L’uomo, invece, si sente oppresso, anche dall’estrema concretezza e dall’insistenza della donna. Si sente, addirittura, osservato quando è in coppia, in pubblico. Tende a nascondersi ad isolarsi, ad evitare l’argomento anche con gli stessi familiari.

Tant’è che anche quando la donna è pronta a sottoporsi alle tecniche di procreazione, con tutto ciò che ne consegue in termini di stress psicofisico, nel tentativo, a volte estremo, di realizzare il proprio sogno, è l’uomo a rilevare mille motivazioni disincentivanti.

Fecondazione assistita. Un percorso che richiede forza e consapevolezza.
Fecondazione assistita. Un percorso che richiede forza e consapevolezza.

La clinica e il valore dell’equipe, il costo delle tecniche, la difficoltà di arrivare ad una gravidanza, il cambiamento della routine di coppia. <Solo se penso a quelle poltrone, quelle riviste e quei canali pornografici, che dovrebbero aiutarmi a produrre spermatozoi…>

UN PERCORSO CHE RICHIEDE FORZA E CONSAPEVOLEZZA.

Una cosa è certa, durante tutto il periodo di un trattamento di fecondazione assistita, il rapporto tra i partner viene completamente messo a nudo, prima di tutto dagli stessi partner. Si discute di aspetti della relazione, nella maggior parte dei casi, mai affrontati prima fino ai dettagli più intimi. I fondamenti del rapporto sono messi di fronte a prove durissime.

Quando tutto ciò porta alla nascita di un bambino non possiamo che riconoscere, alla fine del percorso, come il miracolo della vita sia imprescindibilmente legato alla sola fortissima volontà dei genitori e che noi embriologi siamo stati semplici esecutori della loro volontà.

Quando, invece, il durissimo percorso lascia un vuoto ancora più grande di quello che si intendeva colmare, la pazienza, la sofferenza, la rassegnazione lasciano alla coppia, “solo” la consapevolezza di essere capaci di superare insieme ogni cosa e di non aver lasciato nulla di intentato.

_________________________

Per una consulenza personalizzata, puoi contattarmi all’email: info@chiaragranato.it oppure ai riferimenti che trovi nella pagina contatti.

Articoli recenti

SALUTE RIPRODUTTIVA. COSA SAPPIAMO?
10 Settembre 2020
INFERTILITÀ SECONDARIA. COME AVVIENE?
22 Agosto 2020
VITAMINA D. VITAMINA DEL SOLE
19 Luglio 2020

Chi sono

Da circa 10 anni mi occupo di consulenza integrata, dell’applicazione di tecniche biologiche di fecondazione e preservazione della fertilità e di metodiche di prevenzione.

Ultime dalla gallery

  • Registrati
Hai perso la tua password? Per favore inserisci il tuo nome utente o l'indirizzo email. Riceverai un link per creare una nuova password via email.
I tuoi dati non saranno condivisi con nessuno.

Quattro giornate di colloqui individuali, distribuite in sei colloqui al giorno completamente gratuiti, al Centro diagnostico Cedibio di Avellino dedicate a:
- giovani coppie sensibili al tema della prevenzione;
- ad aspiranti genitori che si avvicinano a questo mondo per la prima volta;
- a coppie più adulte già alle prese con problematiche oggettive di infertilità.
Per ascoltare la vostra storia e rispondere alle vostre domande ma, soprattutto, per conoscere un po’ di più su noi stessi e sul tema della fertilità.
Compila i campi sotto riportati e ti richiamerò per fissare un appuntamento.