fbpx

Cerco un bimbo: chiedo sui forum perché il medico non mi convince

Inutile negare quanto Internet renda a portata di mano qualsiasi informazione. Cerco una casa, cerco una babysitter, cerco un sogno … cerco un bimbo.

Basta digitare le parole giuste e ti si apre un mondo. Tant’è che il difficile è saper distinguere tra la miriade di informazioni “inutili”, se non addirittura “false”, quelle attinenti a ciò che cerchiamo.

Il problema, che emerge dai discorsi con alcune mie pazienti, è che spesso ci si sofferma al primo articolo o al blog graficamente più rassicurante.

Io sono più che favorevole alla ricerca di informazioni, opinioni, esperienze condivise sul web ma, resta inteso, il valore di queste informazioni non è uguale a prescindere dallo strumento di divulgazione.

Appare ovvio ritenere di doversi affidare a siti autorevoli quando la ricerca mira al ritrovamento di rapporti, pubblicazioni scientifiche o studi su fenomeni specifici. Meno scontata è, invece, la pretesa credibilità quando si ricercano conferme di sintomi, pareri e, addirittura, diagnosi mediche emesse in riscontro a specifiche problematiche.

A quel punto l’esperienza vissuta da una donna e condivisa, magari trascurando aspetti rilevanti della propria patologia, diviene non solo credibile ma illuminante. La conseguenza? Autodiagnosi e, nei casi peggiori, “autocura”.

Forum e settore medico

Sia chiaro. Cercare di capire, osservando, leggendo e informandosi è solo di ausilio ad un confronto aperto con un medico, anche quando queste informazioni inducono a ritenere non più convincente la diagnosi del professionista interpellato. Ma la naturale conseguenza deve essere la consultazione di un altro esperto, non il confronto con altri pazienti senza il supporto medico-scientifico.

Approfondendo questa problematica, negli ultimi mesi, ho riscontrato che alcune donne sopraffatte dallo sconforto che si prova quando sopraggiunge una diagnosi di infertilità, hanno iniziato una frenetica ricerca di soluzioni immediate al proprio problema su Forum dedicati. Nella maggior parte dei casi, affidandosi al passaparola di altre donne che hanno vissuto esperienze più o meno simili, non hanno trovato soluzioni percorribili ma soltanto accresciuto dubbi e smarrimento, sviluppando comportamenti dannosi.

Amplificare ansie, debolezze, timori ricercando, in maniera isterica, la condivisione di esperienze simili, non può che avere effetti negativi sull’efficacia di un percorso terapeutico. Ecco perché ritengo sia quanto mai necessario il supporto emotivo, se non psicologico, nei confronti di entrambi i componenti della coppia, così evitando che, in preda a stress e angoscia, il parere del medico possa essere sostituito da articoli sparsi sul web o da risposte o, peggio ancora, consigli dispensati su forum specifici.

Cerco un bimbo_ lo specialista

Cerco un bimbo: il medico e il supporto emotivo

Basta navigare in rete pochi minuti, per accorgerci di come le richieste di aiuto riguardanti la Procreazione Medicalmente assistita siano relative, soprattutto, a questioni psicologiche a dimostrazione della necessità che tra paziente e medico si instauri un rapporto di fiducia reciproca. Il medico, infatti, dovrebbe essere considerato come il punto di riferimento dei pazienti sia per risolvere dubbi di natura pratica, sia per avere supporto informativo ed emotivo.

“Il mio medico non mi informa” oppure “il mio medico non capisce” sono le principali motivazioni che mi riportano le donne che si rivolgono a me dopo cicli di fecondazione che non hanno dato i risultati sperati. Proprio per questo, il mio lavoro prevede un supporto emotivo per le coppie fin dal momento della diagnosi di infertilità ma, anche e, soprattutto, successivamente, durante tutto il percorso di PMA. Sono convinta, infatti, che nessun forum possa sostituire la comunicazione con lo specialista, che segue la coppia nel suo percorso di ricerca della genitorialità, dalla preparazione ed esecuzione della tecnica agli eventuali fallimenti, fino al raggiungimento della gravidanza tanto desiderata.  

Per prenotare una consulenza personalizzata puoi scrivermi all’email info@chiaragranato.it oppure contattarmi ai riferimenti presenti nella pagina contatti.

Troveremo il percorso più adatto, insieme.

Articoli recenti

CORONAVIRUS
LA PMA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS
12 Marzo 2020
DETERMINAZIONE DEL SESSO
PMA E LA SELEZIONE DEL SESSO
18 Febbraio 2020
ICSI O FIVET
ICSI O FIVET, NON È UN DILEMMA
9 Febbraio 2020

Chi sono

Da circa 10 anni mi occupo di consulenza integrata, dell’applicazione di tecniche biologiche di fecondazione e preservazione della fertilità e di metodiche di prevenzione.

Ultime dalla gallery

  • Registrati
Hai perso la tua password? Per favore inserisci il tuo nome utente o l'indirizzo email. Riceverai un link per creare una nuova password via email.
I tuoi dati non saranno condivisi con nessuno.

Salve. Sono Chiara Granato e sono pronta ad assistervi nel percorso finalizzato alla nascita del vostro bambino, con le più moderne tecnologie biomediche ed un servizio professionale di altissima qualità.

Prenotando tra il 15 Novembre 2019 ed il 31 Maggio 2020, potrai aderire al Programma “Fertility Season” che prevede per le coppie, con problematiche di infertilità, consulenze specialistiche finalizzate alla fissazione di obiettivi concreti e raggiungibili.

Compila i campi sotto riportati e ti richiamerò per fissare un appuntamento.